Menu

ecoturismo - escursionismo - ruralità - eventi culturali

Chi siamo

Dalla consapevolezza che il territorio rappresenta un patrimonio identitario unico, originale e di valore inestimabile per le sue caratteristiche paesaggistiche, storiche e socio culturali, nascono gli scopi e la volontà di attuare un progetto legato ai concetti di tutela e valorizzazione, coniugati con quelli di sostenibilità e sviluppo.
Con questo orientamento nasce “Le Alte Terre di Mezzo“, suggerito dalla localizzazione geografica nella quale sviluppa le sue attività di turismo rurale, un fondo di circa 400 ettari di proprietà della famiglia Cassata, che vede interessati i Comuni montani di San Mauro CastelverdePettineo e Tusaa cavallo tra le provincie di Palermo e di Messina e i Nebrodi e le Madonie.

La motivazione scatenante per la quale viene avviata l’attività, scaturisce dalle ferite ancora visibili del violento incendio doloso che nel settembre del 2012, scendendo dal versante di San Mauro Castelverde e alimentato da un forte vento di scirocco, rase al suolo la quasi totalità del bosco di C.da Loreto nel comprensorio dei comuni limitrofi di Tusa, Pettineo e San Mauro Castelverde, compromettendo l’habitat naturale e il sistema rurale antichissimo e di altissimo valore di una piccola comunità locale.

Da qui prendono il via le opere di monitoraggio e studio che porteranno a realizzare un progetto finalizzato alla tutela e, contemporaneamente, alla fruizione in modalità controllata, al fine di avviare un’opera di sensibilizzazione sul valore degli habitat mediante l’accessibilità ai luoghi con itinerari e percorsi proposti per una fruizione orientata verso il turismo rurale e integrato, etico e sostenibile, utile ad attuare un modello di sviluppo locale con effetti di ricaduta sul futuro degli equilibri che potrebbero influire sulle prossime generazioni.

Ideatori e animatori del progetto sono Tania e Simona Alioto e Giovanna Gebbia, originarie di questi luoghi.

Le fondatrici di Le Alte Terre di Mezzo: Giovanna Gebbia, Simona e Tania Alioto